Come liberarsi dall’odio per il lunedì per sempre

Photo by Ketut Subiyanto on Pexels.com

Il mondo si divide in due categorie. ll mondo si divide sempre in due categorie. Ci sono gli uomini e ci sono i caporali, intanto, diceva Totò. Poi ci sono i guelfi e i ghibellini, i ricchi e i poveri, i fan di Trump e i sostenitori di Biden, i negazionisti e il resto del mondo. Potrei continuare per giorni, mesi e anni a elencare le divisioni dell’umanità, sin da quando nacque la sinistra che già aveva dento di sé le fazioni di sinistra estrema, sinistra progressista, sinistra socialdemocratica, sinistra liberale ma non troppo, sinistra più liberale ma con il riporto, sinistra più a sinistra che non si può dietro la piazza dell’Unità superato l’incrocio ecc. A tutte queste schiere appartiene da qualche tempo a questa parte la spartizione tra quelli che il lunedì mattina salterebbero gli altri giorni fino al sabato o al venerdì almeno e quelli che, invece, nemmeno se n’accorgono che è lunedì, non notano il passaggio, tanto sono contenti e felici, beati loro. Ci sono poi i kamikaze del lunedì che iniziano la settimana entusiasti e carichi. Li fucileresti a vista e ti chiedi come cazzo fanno.

Il lunedì è stato inventato dai poteri forti, non c’è spiegazione. Di sicuro si tratta di un complotto contro di te per farti sentire triste e depresso e farti comprare in edicola le copie del settimanale Di Più: così saprai che fine hanno fatto i naufraghi dell’isola dei famosi dove un tempo ci stava la casa del Grande Fratello vip che nel frattempo è diventata Temptation Island, ma solo dopo che a Domenica In è passata Maria De Filippi che ha confessato che Maurizio Costanzo è in realtà suo 👴 nonno dopo i ritocchi fatti grazie ai tutorial di Detto Fatto. E contro di quelli che ci vuoi fare, dietro ci sta la Cia, che quella sta dietro a tutto neanche fosse Rocco Siffredi. E poi di sicuro c’è lo zampino di Elvis Presley e Michael Jackson che ci hanno fatto credere di essere morti ma in realtà sono 🛸 alieni rettiliani che Mauro Biglino aveva già individuato anni fa, solo che nessuno gli dà mai retta. E se ti stai chiedendo chi è, questa ne è una conferma.

Provi a digitare su Google “Come sopravvivere al lunedì” e ti partono una sfilza di consigli:

  • Evita di dormire troppo, ti viene detto, quando tu proprio non vorresti alzarti dal letto e volentieri ci affonderesti chissà fino a quando;
  • Programma di fare qualcosa che ti piace: 🛌 dormire;
  • Pianificare la settimana fuori dal lavoro: dove cacchiarola vado con il Covid-19 in giro?

Lasci stare i consigli e più positivi sono più diffidi di essi in questo periodo. Guardi su WhatsApp e intanto arrivano svariati messaggi bipolari: gli entusiasti che iniziano a starti sullo stomaco e i fan di Snoopy che si fa una pennichella sulla cuccia. Provi a farti un caffè ☕ ma non c’è scampo: è lunedì e ti tocca lavurà, come dicono i sopravvissuti alla strage in corso della Milano da bere. «Va a lavurà che l’è mei!» (Vai a lavorare che è meglio). Sembra di sentirli ancora gli operai delle vecchie fabbriche del settentrione. Ma è per l’appunto che la voglia di lavorare il lunedì ti viene un pochino a noia.

“Io studierò, io lavorerò, io farò tutto quello che mi dirai, perché, insomma, la vita del burattino mi è venuta a noia, e voglio diventare un ragazzo a tutti i costi.”

–Pinocchio alla fata

Ammettilo: sei come 🤥 Pinocchio e la routine, l’essere un burattino, una macchina, un ingranaggio fine a se stesso non ti va più da un sacco di tempo. Però devi lavorare per le bollette, per il mutuo, per la spesa, per i figli, per la pensione. Posso farti una 🙋 domanda? Per te, su di te, quando lavori? Tu lavori per tante cose utili, non c’è dubbio. Ma cosa fai per te stesso, per il tuo benessere, per la tua crescita? Come sarebbe a dire starai pensando, se riesco a pagare tutto sto tranquillo e se avanza qualcosa mi faccio una vacanza quando il morso del coronavirus sarà meno minaccioso o quando la pandemia sarà finita. Era questa la vita che volevi? D’accordo forse hai una bella famiglia, una moglie o un marito o un/a compagno/a eccezionali. Tuttavia insisto con il dire: che fine hanno fatto i tuoi talenti, i tuoi sogni, le tue prospettive? Che cosa speri per te, mettendo da parte per un attimo gli altri. In definitiva, hai un forte perché che senti tuo, personale, irrinunciabile, che ti fa alzare fresco e come una molla dal letto il lunedì mattina? È possibile ti chiederai? Sì è possibile, ti dico e tanti ci sono riusciti. Proprio rispondendo a domande come queste che ti sto facendo io con questo articolo, in questo momento. Qui, ora, se vuoi inizia un’altra storia, un altro giorno, che non è più il lunedì di sempre ma l’ottavo giorno. Non sapevi della sua esistenza, vero? Non è magia, non è esoterismo da quattro soldi. Di sicuro adesso Dio ti sta cercando e vuole parlarti. Non è un invito a far parte di chissà cosa o comprare chissà quale magico corso super-motivante. No. Semmai è un appello a te stesso. Leggi appena puoi gli articoli che ti ho suggerito. Fai anche una passeggiata, se nella tua zona è permesso, e vedrai che per te inizia un altro tempo. Te lo prometto. E ne riparleremo ancora, è ovvio, in questo blog. Stay tuned!

Ti piace questo articolo? O hai iniziato a odiarlo? Ti stimola questo discorso e intuisci che ci può essere qualcosa di diverso anche per te? Prova, intanto, a condividere l’articolo e ad aiutare anche gli altri tuoi contatti ad entrare nell’ottavo giorno che, ripeto, non è niente di spiacevole, non è una setta, anzi è l’inizio della liberazione del proprio vero sé. Pensa anche alla possibilità di fare una donazione a me e a questo blog, perché possa continuare ad approfondire queste ricerche in tempi di grande incertezze. Te ne saremmo grati io e tutti i lettori di questo blog che comunque hanno tutto a disposizione gratuitamente.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.